85183494

menopausa

deve essere intesa quale evento biologico unico caratterizzato dalla scomparsa permanente delle mestruazioni per la perdita dell’ attività ovarica.
Puo’ essere difficile determinare con esattezza quando potrà comparire la menopausa, dal momento che le mestruazioni possono presentarsi in maniera irregolare per alcuni mesi o anche anni prima della loro scomparsa definitiva.
Dopo i 40 anni, l’ ovulazione si presenta con minore regolarità che negli anni precedenti. Una possibile spiegazione è che i follicoli più sani vengono utilizzati per lo sviluppo nei primi anni di fertilità, lasciando i follicoli meno vitali agli ultimi anni.
Quando la secrezione estrogenica comincia a fluttuare, le mestruazioni divengono più irregolari e la donna può avere in qualche ciclo flussi più abbondanti mentre in altri il sanguinamento può essere minore o assente.
Vi è una estrema variabillità individuale sulle modalità con le quali si verifica la menopausa. Alcune donne presentano dei cicli regolari, fino a quando essi si interrompono bruscamente e per sempre. Più frequentemente però, il cambiamento avviene in modo graduale. Durante la fase perimenopausale del climaterio ( 1-5 anni prima della menopausa vera e propria ) la quantità del flusso diminuisce, l’ intervallo di tempo tra le mestruazioni si allunga e compaiono dei periodi di amenorrea. Questi periodi si allungano nel tempo e una volta escluse altre cause , quando è passato un anno senza alcun flusso mestruale , si può porre diagnosi di menopausa.
Una amenorrea di durata inferiore ad un anno non è sufficiente a porre diagnosi di menopausa, dato che i cicli anovulatori e gli episodi di oligoamenorrea diventano più comuni durante la perimenopausa.
Per una donna in questa fase è frequente presentare intervalli anche di mesi tra i cicli mestruali, che tuttavia possono ricomparire prima della menopausa effettiva.
Alcune donne possono presentare sintomi iniziali di insufficienza ovarica alla fine dei 30 o all’ inizio dei 40 anni , circa un decennio prima della menopausa ed alterazioni della funzione ovarica si possono avere in misura maggiore o minore per molti anni dopo. La perimenopausa spesso si caratterizza per la comparsa di sintomatologia menopausale , sopratutto la classica sintomatologia vasomotoria o vampate di calore come viene comunemente definita . Per altro queste vampate non sono sempre presenti , cosi’ come anche gli altri sintomi ( agitazione , sudorazione , nervosismo , insonnia , depressione ) più comunemente descritti non sempre si presentano.
Per questa ragione non vi è un quadro sintomatologico di sicuro riferimento per definire o diagnosticare la menopausa.
Si è pensato di considerare i livelli circolanti dell’ ormone FSH per potere porre diagnosi di menopausa , ma bisogna considerare sempre che in alcune donne i livelli di FSH tendono ad aumentare sopratutto nella fase follicolare precoce , fin dall’ inizio dei 40 anni , nonostante i livelli normali di estradiolo.
Quindi livelli elevati di FSH da soli possono anche essere insufficienti per porre diagnosi di menopausa ( valori diagnostici FSH > 40 mlUI/ml.).

Inserisci un tuo commento